Lucca celebra i 650 anni della liberazione da Pisa

LUCCA - Si è celebrata in piazza San Martino la festa della libertà di Lucca dal dominio pisano, giunta quest'anno alla sua 650 esima edizione. Era infatti il 1369 – in particolare l'8 aprile – quando Carlo IV emise il proclama che restituì alla città di Lucca l'indipendenza e la libertà politica dalla dominazione di Pisa.

-

Da allora la parola “Libertas” ha iniziato a campeggiare sullo stemma bianco-rosso di Lucca. La festa ricorda quindi che la storia della Repubblica lucchese iniziò proprio quel giorno – permettendo alla città di conservare intatta la sua indipendenza fino al periodo napoleonico – e il governo cittadino decise di istituire una festa per ricordare il “tempo della libertà”, così chiamato nelle carte pubbliche.

A mezzogiorno, di fronte alla cattedrale la compagnia dei Balestrieri ha aperto le celebrazioni, con l”antica cerimonia dell’investitura dei Gonfalonieri di Terziere, cerimonia seguita da un folto pubblico di turisti, preceduta da e seguita dalle esibizioni degli sbandieratori e dei musici.

La commemorazione ha visto la partecipazione di tutti i gruppi di rievocazione storica lucchesi: La compagnia Balestrieri, l’associazione contrade San Paolino e gli sbandieratori e musici Città di Lucca Contrada di S.Anna in Piaggia che quest’anno hanno messo a segno la conquista del sesto titolo di miglior compagnia d’Italia, stabilendo il nuovo record di gruppo più titolato della Lega italiana sbandieratori.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.