Torna la triennale del Gesù Morto

SERAVEZZA - Si accendono le fiammelle per illuminare il borgo, i rioni, il fiume e il percorso della processione solenne. A Seravezza torna la notte suggestiva del “Gesù Morto”, che venerdì 19 aprile riallaccia i fili di una tradizione secolare chiamando a raccolta i fedeli di tutta la Versilia.

-

Si accendono le fiammelle per illuminare il borgo, i rioni, il fiume e il percorso della processione solenne. A Seravezza torna la notte suggestiva del “Gesù Morto”, che venerdì 19 aprile riallaccia i fili di una tradizione secolare chiamando a raccolta i fedeli di tutta la Versilia. Un rito collettivo che, tra liturgia e folclore, la cittadina versiliese accoglie anche quest’anno in uno scenario unico. L’appuntamento è alle 20.30 di venerdì 19 aprile all’Oratorio della Misericordia. Da lì la processione raggiungerà il borgo di Riomagno per poi convergere di nuovo verso il centro cittadino lungo via Monte Altissimo. Come vuole la tradizione, il corteo sarà aperto dalla grande croce della passione portata a mano da un confratello della Misericordia in cappa storica, affiancato da altri due confratelli con “torce a mano”. Di seguito la Filarmonica di Riomagno, il Coro San Lorenzo e i bambini che sfilano con i simboli della passione.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.