L’urlo della Pantera: la pioggia, il libro e i magnifici 500; ora c’è il Bisceglie

CALCIO C - La Lucchese vince a Cuneo e si regala la finale play out con la possibilità di conquistare una clamorosa salvezza almeno sul campo. Decide una rete di Zanini nel finale. Grande protagonista anche il portiere Falcone. Ora la squadra di Favarin se la vedrà con il Bisceglie che nell'altra semifinale ha superato 4-3 la Paganese.

-

Una Lucchese così grande…canterebbe il sublime tenore Mario Del Monaco. Una Lucchese senza fine e senza limiti. Sotto la pioggia battente di Cuneo i rossoneri soffrono e barcollano ma non crollano e poi colpiscono col velenoso Zanini (foto Gazzetta Lucchese) ad una manciata di minuti dalla fine regalandosi così la possibilità. stavolta sì, di giocarsi la salvezza almeno quella sul campo. Al Fratelli Paschiero gara difficile e complicata come volevasi dimostrare. Il Cuneo aggredisce e attacca, spinge e si rende minaccioso più di una volta dalle parti del valoroso e reattivo Falcone che conferma anche in terra piemontese di essere portiere dalle rosee prospettive. Ma tutto il complesso rossonero ha giostrato su livelli di assoluta garanzia tecnica e caratteriale. Bortolussi & C. hanno costruito le loro occasioni: clamorosa la traversa di Lombardo. Sul piano tecnico, e facendo una valutazione globale del campionato e al netto delle penalizzazioni, il Cuneo di Scazzola non meritava la retrocessione in serie D ma quassù nella Provincia Granda non fanno drammi e non si piangono addosso. Annotazione anche sugli splendidi tifosi della Lucchese. Eran 500 giovani e forti e hanno cantato per la loro Lucchese sotto la pioggia per 90, anzi 95 minuti, in modo incessante che sembrava di essere al Porta Elisa. Loro meriterebbe non la C ma molto di più per il cuore, la passione e quant’altro ci mettono in una stagione così contraddittoria e drammatica. Lo stesso Zanini ha dichiarato che ci vorrebbe un libro per descrivere l’amore dei tifosi verso la Lucchese: chissà magari un giorno qualcuno lo scriverà davvero. Una stagione che sul campo invece deve ancora scrivere gli ultimi due atti. Andata e ritorno contro i pugliesi del Bisceglie, sabato 1 e sabato 8 giugno. Nelle prossime ore, forse già lunedì, il sorteggio per stabilire chi giocherà in casa il match di andata. Lunedì pomeriggio anche la truppa di Favarin tornerà al lavoro per preparare al meglio gli ultimi 180′: quelli che potrebbero regalare un sogno chiamato…salvezza.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.