Salvini a Capannori: “Mandate a casa la sinistra”; poi una valanga di selfie

CAPANNORI - Il Salvini-day a Capannori è iniziato con via di Piaggia chiusa al traffico e gremita di fans del Capitano, già un'ora prima del suo arrivo. Un migliaio secondo la Questura ma probabilmente alla fine erano anche di più.

- 4

Il ministro dell’interno, in tour in Toscana, è arrivato poco dopo le 11 salutato dal candidato sindaco per centrodestra, Salvadore Bartolomei. Nessuna contestazione, come invece erra accaduto il giorno prima a Forlì e Modena. C’è stato subito il taglio del nastro della sede elettorale di Bartolomei, poi sono iniziati gli interventi sul palco, tra cui quello del candidato sindaco. “La democrazia va garantita con l’alternanza – ha detto Bartolomei riferendosi a Capannori – non si può lasciare al potere la stessa gente per vent’anni”. Sul palco intanto sale Salvini e si capisce che la folla in piazza è tutta per lui.

A scaldare di più la platea ci pensa la sindaco di Cascina, Susanna Ceccardi, che attacca il sindaco di Lucca Tambellini, che, dice, vede razzisti e fascisti ovunque, e con Matteo Renzi: “mi vuole querelare mentre lui ha rovinato l’Italia”.

Alla fine il microfono va al leader della Lega, che nel suo discorso spesso accompagnato dagli applausi, rivendica i risultati raggiunti in 10 mesi di governo e tocca le corde più sensibili del suo elettorato, in particolare quello della sicurezza e del “prima gli italiani”.

Applausi sull’obiettivo della castrazione chimica per i responsabili di stupro e pedofilia, sulla futura legge per introdurre telecamere di sicurezza in ospizi e asili.

Infine, dopo i saluti, inizia la consueta seconda parte degli appuntamenti con Salvini: l’interminabile serie di selfie con tutti coloro che volevano una foto con il Capitano; cioè tutti, o quasi, coloro che hanno assistito al comizio. Per più di mezz’ora il ministro dell’interno ha scattato personalmente foto con i fans, arrabbiandosi ogni tanto se lo smartphone non era pronto e chiedendo ripetutamente alla folla di non spingere. Poi via verso Montecatini e gli altri appuntamenti toscani.

Commenti

4

  1. carlo dinelli


    Matteo Salvini, il più Grande Ministro degli Interni che l’Italia abbia mai avuto, che, anzichè stare al Viminale senza fare niente, preferisce incontrare direttamente la gente ed ascoltare i suoi bisogni.


    • Il più Grande Ministro degli Interni che l’Italia abbia mai avuto???
      Forse volevi scrivere il più Grande Ministro di Twitter!!!.
      Infatti valanga di selfie…..

  2. Francesco Bray


    Mandate a fanculo ‘sto deficiente, piuttosto!

  3. Francesco Bray


    È venuto a inquinare il territorio, questo fascista?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.