Torre medicea Beltrame: partono i lavori di recupero

PIETRASANTA - Finalmente può partire il restauro del primo lotto di uno dei simboli della frazione di Strettoia - Montiscendi: il Salto della Cervia. La Torre Medicea di Porta Beltrame, che domina lungo la via Aurelia, a cavallo tra Pietrasanta e Montignoso, è pronta ad iniziare un lungo e delicato percorso di recupero suddiviso in tre fasi che dovrà riconsegnarla alla comunità in tutto il suo splendore.

-

Il primo intervento, circa 200 mila euro, è finanziato per tre quarti con risorse comunali e la restante parte, circa 32mila euro, con un finanziamento regionale. Per restaurare e recuperare il Salto della Cervia saranno necessari poco meno di 600 mila euro. Parte di queste risorse potrebbero arrivare dalle risorse – 800 mila euro – inizialmente destinate dal progetto “Bellezz@ Recuperiamo luoghi dimenticati” per il Forte Motrone ottenuti lo scorso anno da un gruppo di professionisti. Almeno secondo l’amministrazione Giovannetti che attraverso l’assessore e senatore Mallegni ha chiesto lo storno del contributo. Un’operazione che secondo il Pd e Italia Nostra non sarà possibile.

Ad ogni modo, il progetto, approvato dalla giunta comunale, prevede che all’interno della Torre Beltrame, quando sarà terminata, sarà destinata in parte a Museo con una sezione dedicata proprio al Forte dei Motrone con resti degli scavi, documenti, ricostruzioni ed antiche mappe. “Le aree interessate dalla proposta di recupero del Forte dei Motrone non sono in disponibilità dell’ente – spiega il sindaco  – ma sono private e questo prevede tutta una serie di passaggi che rendono il recupero di un sito molto complicato. La Torre Beltrame è invece un bene nelle piene disponibilità del comune, dal 2004 è di proprietà dei pietrasantini, e nei confronti del quale c’è un progetto di recupero vero e fattibile. Il nostro obiettivo, e speriamo che l’attuale governo ce lo consenta, è dirottare quelle risorse per completare il restauro di Torre Beltrame. In caso contrario lo faremo, come da programma, con risorse comunali e con finanziamenti.

L’avvio del cantiere, slittato di qualche mese, è previsto entro la fine del mese di maggio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.