Poco traffico sulle strade ma l’inquinamento atmosferico è lo stesso di un anno fa

LUCCA - Immagini di metà mattina sulle strade di Lucca, nei giorni dell'emergenza Coronavirus. Quei luoghi dove abitualmente c'è traffico a tutte le ore sono adesso quasi deserti. Uno scenario davvero inimmaginabile solo un paio di settimane fa.

- 1

Certo, sulle strade auto e mezzi pesanti circolano ancora. In alcune zone anche troppo, visti i divieti sugli spostamenti imposti dai recenti decreti governativi. Ma è innegabile che il traffico dei mezzi a motore abbia subito una diminuzione notevolissima.

Ma ci sono state conseguenze immediate ed evidenti sull’inquinamento atmosferico a livello locale? La risposta non è semplice. Da un lato le centraline Arpat di Capannori, San Concordio e San Micheletto negli ultimi giorni hanno registrano dati di pm10 e biossido di azoto, il principale inquinante derivato dal traffico veicolare, al di sotto delle soglie di legge: l’aria cioè può definirsi pulita. Ma il fatto sorprendente è che questi dati sono simili a quelli dello stesso periodo dell’anno scorso, cioè al marzo 2019, quando non erano in vigore restrizioni negli spostamenti.

Cosa significa questo? Dall’Arpat ci spiegano che in questo periodo dell’anno, di passaggio dall’inverno alla primavera, il fattore meteorologico è preponderante per determinare i livelli di inquinamento. Cioè, contano di più il vento e la pressione atmosferica che il volume di traffico sulle strade. Ma riscontri più precisi potremmo averli solo nelle prossime settimane. Anche perchè, spiega ancora l’Arpat, per fare confronti è necessario prendere in esame un lungo periodo di tempo.

Commenti

1


  1. Non è che sia poi molto vuoto…ho visto parecchie macchine (i furgoni erano forse di gente al lavoro) ma anche diversi pedoni “a zonzo” e diverse persone sui prati sotto le mura osservando bene questo filmato.
    Ci sono “improbabili” atleti questi giorni e persone che portavano si e no il cane fuori 2 volte al giorno che sono costantemente a giro col povero cane che non ha mai camminato tanto in tutta la vita…..questa gente se ne frega e non capisce che offrendo carne fresca giornalmente al contagio ci mette tutti a rischio, quando invece se stessimo a casa il virus non avrebbe dove attecchire e si estinguerebbe….Ci vuole forse troppa intelligenza per capirlo???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.