Effetti devastanti del lockdown sulla flotta viareggina

VIAREGGIO - E’ quanto emerge da una stima di Coldiretti sull’inizio della Fase 2 bis. La flotta viareggina, una novantina di equipaggi, sta vivendo l’ennesimo duro periodo. Ad aggravare la paralisi del settore – sostiene Coldiretti - sono stati anche i limiti agli spostamenti che hanno influito sul crollo della domanda di pesce fresco per consumo casalingo

- 1

Effetti devastanti, anche oltre le aspettative, nel dopo lockdown, per la flotta viareggina. Tra le cause principali, la chiusura prolungata dei ristoranti, molti dei quali non hanno ancora riaperto mentre altri stanno valutando se sia il caso di affrontare i costi necessari alla riapertura, alla luce delle spese da sostenere. Su tutto questo pesa l’assenza dei turisti italiani e stranieri. L’effetto coronavirus ad oggi ha fatto registrare nei ristoranti un crollo dei consumi dell’80%, non solo per le mancate riaperture, ma anche per un drastico taglio delle forniture alimentari rispetto alla norma. E’ quanto emerge da una stima di Coldiretti sull’inizio della Fase 2 bis, che consente di tornare a pranzare o cenare fuori casa. La flotta viareggina, una novantina di equipaggi, sta vivendo l’ennesimo duro periodo. Ad aggravare la paralisi del settore – sostiene Coldiretti – sono stati anche i limiti agli spostamenti che hanno influito sul crollo della domanda di pesce fresco per consumo casalingo, con la nuova tendenza a fare la spesa ogni 2-3 giorni, per evitare di doversi recare spesso al supermercato. Cosa che accade ancora per evitare le lunghe file. Questo ha portato i consumatori ad orientarsi verso conservati e surgelati”. L’emergenza sta ponendo il settore di fronte ad un bivio. Subire la pandemia o farla diventare una opportunità. Lo sostiene Coldiretti che lancia un appello a tutta la categoria“E’ il momento di evolversi. Occorre integrare la filiera implementando la vendita on-line”.

Commenti

1


  1. La richiesta di prodotto ittico a filiera corta, nel periodo in questione , è raddoppiata . La carenza di prodotto è il limite alla possibilità di vendita.
    La vendita si è spostata verso sistemi connessi alla rete, questa è la novità.
    Non c’è pesce fresco per tutti, questa è la verità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.