Tensioni internazionali e risparmio: occorre pianificare e monitorare gli investimenti

Negli ultimi anni la raccolta bancaria delle famiglie lucchesi è cresciuta del 20%. Eppure, tra guerra, bollette alle stelle, inflazione a livelli anni Ottanta, molti risparmiatori si sentono vulnerabili. Secondo Alessandro Mauri, area manager di Banca Generali Private, la soluzione consiste nell’affidarsi a un bravo private banker: “Diventa importante avere una persona di fiducia alla quale affidarsi perché stiamo vivendo momenti sfidanti per quanto sta accadendo a livello geopolitico, con le tensioni internazionali e il ritorno dell’inflazione, che è una dinamica di cui ci eravamo dimenticati da anni: occorre avere un bravo professionista che sappia fare una corretta pianificazione, ma anche un corretto monitoraggio degli investimenti già in essere perché quando cambiano le situazioni occorre anche variare la composizione dei propri asset e impostare un portafoglio più consono”.

C’è però una richiesta anche etica, legata alla sostenibilità degli investimenti: “Bisogna dare la possibilità ai clienti di investire in soluzioni che portano grande attenzione ai temi dell’ambiente e della governance del sociale. Ma attenzione a non pitturare di verde cavalcando un tema alla moda, perché la sostenibilità è un tema serio, non deve esserci soltanto il prodotto, ma pure l’approccio a un percorso più culturale che soltanto di investimento”, spiega Marco Bernardi, vice direttore generale di Banca Generali.

Banca Generali Private è presente a Lucca da alcune settimane anche con una nuova filiale in viale Marti 95, a due passi dalle Mura, agenzia che porta a 18 il numero di sedi dell’istituto in Toscana: Arezzo, Carrara, Cecina, Empoli, Firenze, Livorno, Grosseto, Massa, Piombino, Pisa, Pistoia, Pontedera, Prato, San Sepolcro, Santa Croce sull’Arno, Siena, Montevarchi.