La Fosber torna ad assumere

LUCCA - L’azienda metalmeccanica di Monsagrati ha assunto 23 nuovi lavoratori. Per la Fiom Cgil e’ la dimostrazione che investendo in innovazione e certificazione etica la crisi si puo’ superare tutelando l’occupazione.

-

A comunicarlo e’ il segretario generale della Fiom Cgil, Massimo Braccini che in una nota scrive. “La Fosber, che nel 2009 aveva subito una lieve flessione produttiva, concordo’ con i sindacati un modo di uscire dalla crisi investendo in formazione dei lavoratori e ricerca. Negli ultimi anni questo ha permesso all’azienda di espandersi in termini di mercato continuando a essere competitiva”. Attualmente lo stabilimento conta oltre 200 dipendenti, di cui 115 iscritti alla Fiom e nell’ultimo periodo ha stipulato oltre 38 contratti, di cui 23 sono stati stabilizzati, confermando che dalla crisi e’ possibile uscire senza ridurre il numero dei lavoratori e le loro garanzie sindacali. Insomma nel caso Fosber, da una parte la responsabilita’ aziendale e dall’altra un’azione sinergica del sindacato, stanno dando buoni risultati. “La Fosber – spiega Braccini – infatti nel 2011 si e’ dissociata dalla linea di Confindustria, stipulando uno specifico accordo con i sindacati e le rsu. Inoltre ha continuato a investire nella certificazione etica del bilancio”. Proprio quest’ultimo aspetto dimostra infatti la volonta’ aziendale di operare in modo corretto al riparo da speculazioni anomale.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento