L’impianto a biomasse non può funzionare

VIAREGGIO - Secondo i residenti di Bicchio e del Cotone, dove Sea Risorse vorrebbe costruire la centrale, non ci sarebbe abbastanza materiale con cui alimentare la struttura.

-

A sostegno della loro tesi, esposta ai consiglieri della commissione comunale ambiente, i cittadini hanno portato alcuni documenti reperiti sui siti internet dell’Ente Parco Migliarino Sar Rossore, della Provincia di Lucca e della Regione Toscana. Dove si parla delle quantita’ di materiale legnoso disponibile sul territorio per produrre energia elettrica e termica. In base a questi dati, hanno detto i residenti, Viareggio offrirebbe all’impianto 444 tonnellate di combustibile vegetale l’anno. Cifra ben lontana dalle 15.000 indicate da Sea per far funzionare la struttura che vorrebbe realizzare con oltre 4 milioni di spesa. Oltretutto, a novembre il Parco ha annunciato la volontà di costruire 3 centrali a biomasse sul territorio di competenza, in cui rientra anche Viareggio che, pur non essendo fra i siti scelti, paghera’ il suo contributo di legname. Delle 444 tonnellate, quindi, ne resteranno ancora meno.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.