Ma CGC e F. Marmi non mollano

HOCKEY A1 - Bianconeri e rossoblu travolgono Trissino e Seregno. In testa l’Amatori Lodi che ha rischiato col Follonica. Sabato tornano le coppe europee: Centro in Portogallo contro il Candelara; il Forte ospita El Vendrell.

-

Non mollare mai sperando che la capolista compia prima o poi un passo falso piombandogli addosso. E’ il motivo dominante in questa fase centrale del campionato di CGC Viareggio e Forte dei marmi. Due vittorie nette per le due versiliesi nella 13esima giornata, ultima del girone di andata. Qui vediamo il Forte dei Marmi che si e’ sbarazzato con un tennistico 6-2 del Seregno grazie alle doppiette di Gimenez, Cancela e Videla. La squadra di coach Crudeli ha colto cosi’ l’ottava vittoria consecutiva che e’ striscia davvero sontuosa. E impressionante. Ormai i rossoblu del presidente Tosi sono qualcosa in piu’ di una semplice rivelazione: una gran bella realta’ cui le pretendenti allo scudetto dovranno portare molto rispetto. Molto bene anche il CGC Viareggio coi campioni d’Italia che secondo pronostico sono andati ad imporsi agevolmente (5-1) sulla pista del modesto Trissino. Decisamente piu’ sofferta la vittoria della capolista Lodi che nella gara interna contro il Follonica si e’ trovata sotto 1-4 ma negli ultimi dieci minuti e’ riuscita incredibilmente a ribaltare il punteggio. La classifica vede i giallorossi lombardi, campioni d’inverno, a quota 36 con cinque punti di vantaggio sulle due versiliesi. Piu’ lontane Valdagno, Giovinazzo e Bassano. In coda colpo d’ala del Matera che nel posticipo di martedi’ sera ha battuto il Molfetta. Nel fine settimana il campionato lascera’ spazio alle Coppe europee. In Eurolega il CGC giochera’ sulla pista dei portoghesi del Candelara di Martin Montivero coi quali guida il girone. In Coppa Cers gara di andata degli ottavi di finale per il Forte dei Marmi che ospitera’ gli spagnoli di El Vendrell. Dopo aver eliminato agevolmente gli svizzeri del Wimmis stavolta l’avversario e’ piu’ tosto ma questo Forte puo’ sognare anche in Europa.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento