Tassisti in sciopero contro il Governo

VIAREGGIO - Hanno ‘‘impacchettato’’ una delle loro auto di servizio con carta e scotch, guarnito la confezione con un fiocco azzurro e scritto un biglietto, come per ogni dono che si rispetti: ‘‘Taxi in regalo’’.

-

E’ stata questa la protesta dei tassisti viareggini contro le liberalizzazioni del governo Monti: 35 addetti in tutto, fra associati della cooperativa RadioTaxi 47000 e possessori di licenza comunale, che hanno incrociato le braccia davanti alla stazione. A preoccuparli di piu’ e’ l’idea di un’autority romana che definisca esigenze e soluzioni a livello locale: ‘‘Sono decisioni che non possono prescindere dai sindaci dei Comuni – ha dichiarato Pierluca Natali, presidente della cooperativa RadioTaxi 47000 – come del resto la questione sulla territorialita’ del servizio, cioe’ della possibilita’ di accogliere clienti anche in Comuni diversi da Viareggio. Va bene, ma bisogna pianificare l’opzione in termini versiliesi’’. I tassisti pero’ aspettano risposte anche dall’amministrazione del sindaco Luca Lunardini: due anni fa hanno consegnato alla commissione consultiva taxi (assessore di riferimento, Antonio Cima) un piano di riduzione delle tariffe per renderle piu’ appetibili anche per i viareggini, visto il calo costante del turismo. Proposta che tuttavia, hanno detto i tassisti, e’ rimasta chiusa in chissa’ quale cassetto.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento