Trincetto alla schiena per farsi aprire il caveau

LUCCA - Due uomini armati di trincetto lo hanno puntato alla schiena di un’impiegata e si sono fatti aprire il caveau dal quale hanno preso 10.000 euro. La rapina alla filiale di S. Anna della Cassa di Risparmio di Lucca.

-

02_01_12_rapina.jpg

Hanno puntato un trincetto alla schiena di un’impiegata e si sono fatti aprire una cassaforte dalla quale hanno preso 10.000 euro, dopo essere gia’ riusciti ad impossessarsi di 1.500 euro contenuti nelle casse degli sportelli. La donna ha avuto un malore e dopo la rapina e’ stato necessario l’intervento di un’ambulanza. Banditi in azione, per la seconda volta in poco piu’ di un mese, alla filiale di Sant’Anna della Cassa di Risparmio di Lucca Pisa e Livorno. Mancava poco alle 11 quando due uomini di carnagione scura e con accento del sud Italia hanno fatto irruzione nell’istituto di credito brandendo un trincetto con il quale hanno minacciato i clienti. Non contenti di quanto trovato nelle casse hanno preso un’impiegata e tenendola sotto la minaccia del trincetto l’hanno costretta ad aprire un forziere del caveau. Un volta presi i soldi si sono precipitati fuori dall’edificio e sono saliti su un’utilitaria scura con la quale sono fuggiti. A dare l’allarme il direttore che ha anche chiamato i soccorsi per l’impiegata minacciata dai rapinatori. Sul posto la Polizia Scientifica e la Squadra Mobile, che conduce le indagini. A fine novembre scorso, dopo l’orario di chiusura, due uomini disarmati e a volto coperto si erano introdotti nella banca ed erano riusciti a farsi consegnare dai dipendenti 120.000 euro.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento