E’ subito polemica intorno al film di Salvadori

LUCCA - "Sarebbe stato facile" è il titolo del film che Salvadori sta realizzando in città sul tema dell’omosessualità. Alla prima conferenza però è scoppiata una polemica con la Regione, accusata di atteggiamenti discriminatori.

-

La pellicola attualmente in lavorazione, prodotta dalla Mediterranea film, e’ una commedia all’italiana che affronta il tema dell’omosessualita’ e dell’adozione di figli da parte della coppie gay. L’intero progetto e’ stato ufficialmente annunciato durante una conferenza stampa del cast e dell’amministrazione comunale a palazzo Orsetti. Proprio in quell’occasione e’ scoppiata la prima polemica. Il produttore Angelo Bassi ha detto che secondo lui la Regione Toscana avrebbe rifiutato un finanziamento a “Sarebbe stato facile” per le tematiche trattate, nonostante l’orientamento politico dell’amministrazione regionale. Secca la replica dell’assessore regionale alla cultura Cristina Scaletti: “La partecipazione a un bando prevede sempre la possibilita’ di accedere o no ai finanziamenti. In questo caso – dice Scaletti – la commissione ha deciso su criteri autonomi di non ammettere il film diretto da Graziano Salvadori al finanziamento. L’esclusione pero’ nel modo piu’ assoluto non puo’ essere riferita alle tematiche affrontate.” Infine l’assessore ha spiegato: ”Abbiamo fatto della lotta a ogni forma di discriminazione un elemento costitutivo della comunita’ toscana. Siamo quindi felici che sia stata scelta una localita’ della regione per girare un film su questi temi che rispecchiano le nostre idea”.
La conferenza e’ stata anche l’occasione per presentare gli altri interpreti, oltre a Graziano Salvadori, Katia Beni, Niki Giustini e Beatrice Maestrin. Presentate anche le location lucchesi: via Fillungo, le Mura e il municipio. Tra gli altri set anche l’istituto tecnico industriale Fermi, che come annunciato dalla dirigente scolastica Donatella Buonriposi sara’ riadattato in stile anni ‘80 per girare alcune scene.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento