Omicidio Romanini: 4 indagati

CAMAIORE - La neve blocca le prove irripetibili per l’omicidio Romanini, ma nel registro degli indagati rimangono i nomi di un cugino, dei suoi due figli e di una quarta persona.

-

L’incidente probatorio nell’ambito delle indagini per l’omicidio di Stefano Romanini, in programma per la mattinata di giovedi’ nella capitale, e’ stato rinviato a causa della neve per impossibilita’, delle parti di essere presenti alle prove irripetibili. Al momento Fabio Origlio, il pm che indaga sull’omicidio dell’impresario edile, avvenuto l’8 febbraio 2011 a Camaiore, ha iscritto nel registro degli indagati quattro persone: un cugino della vittima, i suoi due figli e un quarto soggetto. Durante l’incidente probatorio che è solo rinviato, saranno esaminati vari reperti, nel tentativo di stabilire una correlazione tra una delle quattro persone indagate e i mozziconi di sigaretta rinvenuti sul luogo dell’omicidio, ma anche tra i bossoli ritrovati la mattina dell’agguato e quelli dello stesso calibro, rinvenuti lo scorso luglio nel giardino della casa del cugino della vittima e nella sua auto in Sardegna. Inoltre nel corso dell’ultimo anno gli inquirenti hanno svolto varie indagini e perquisizioni, acquisendo anche altri elementi di prova. Rimane invece segreta l’ipotesi di movente avanzata dagli investigatori, sulla quale si sono mosse le indagini. Anche l’Avvocato della famiglia della vittima, Lapasin Zorzit mantiene il più stretto riserbo sul tema del movente.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento