Tre condanne per il pontile di Lido

VIAREGGIO - Si è chiuso con la condanna a un mese, pena sospesa, e 30mila euro di multa per Claudio Castellacci, Stefano Varia e Livio Radini il processo sulla realizzazione del pontile di Lido di Camaiore.

-

Il giudice monocratico Gerardo Boragine, accogliendo la richiesta del pubblico ministero, ha condannato a trenta giorni di carcere, pena sospesa e trentamila euro di multa Claudio Castellacci, responsabile unico del procedimento, Stefano Varia, legale rappresentante della Pontile project Lido, e Livio Radini, direttore dei lavori.
In sostanza il giudice ha stabilito che il pontile e’ stato realizzato senza la necessaria autorizzazione della Sovrintendenza. Diversa invece l’interpretazione degli avvocati difensori, secondo i quali l’autorizzazione c’era e tutto il procedimento era stato concordato sia con la Sovrintendenza che con il Comune.
Alla fine, duro il commento dell’imprenditore edile Stefano Varia. “Una sentenza ingiusta e immotivata – ha detto il costruttore – anche perche’ alla fine, al di là dei fogli di carta, e’ stato riconosciuto che l’opera e’ stata realizzata secondo le direttive della Sovrintendenza”.
I legali dei tre imputati, che avevano chiesto l’assoluzione dei loro assistiti, hanno annunciato il ricorso in appello.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.