Nuovo vertice sul Corsonna

BARGA - Mercoledì 18 aprile a Palazzo Ducale sarà di nuovo affrontata la drammatica situazione dello scatolificio Corsonna di Castelvecchio. La Provincia e il Comune di Barga hanno infatti convocato sindacati e azienda.

-

Lo scorso 12 aprile è scaduta la cassa integrazione straordinaria e il Tribunale non ha ritenuto ci fossero le condizioni per concedere la cassa in deroga, avviando così le procedure di licenziamento dei 74 dipendenti. Il sindacato però si è rifiutato di firmare la richiesta di mobilità. “C’è un’offerta di acquisizione dello stabilimento da parte di un’azienda locale – ha spiegato Fabio Graziani della Cgil – riteniamo che si debba verificare fino in fondo la validità di quest’offerta prima di procedere alla mobilità”.
L’azienda in questione non appartiene al settore cartario e avvierebbe una nuova produzione a Castelvecchio, salvando almeno in parte la forza lavoro dello scatolificio. I lavoratori Corsonna intanto hanno intrapreso un presidio fisso a Barga per sensibilizzare l’opinione pubbluca sulla loro situazione.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento