Prende forma la Promozione

CALCIO DILETTANTI - Saranno sei le squadre della provincia a partecipare al prossimo campionato che scattera’ il 9 settembre. Le grandi ambizioni del Castelnuovo e la novita’ di squadre nate da fusioni.

-

11_07_12__promozione.jpg

Tra probabili mancati ripescaggi, ed almeno un paio di storiche fusioni, il campionato di Promozione del prossimo anno presentera’ un volto particolarmente rinnovato ed intrigante. Quasi una sorta di face-off. Intanto precisiamo che saranno sei, tante almeno sono al momento, le squadre espressione del calcio provinciale che si presenteranno ai nastri di partenza domenica 9 settembre, una settimana prima, il 2, scattera’ invece la Coppa Italia. Ambizioni e prospettive di vario genere accompagnano la calda estate delle nostre considerando che il mercato e’ ancora lungo e potrebbe proporre realta’ diverse, da qui a fine agosto. Prima di entrare nel dettaglio vediamo la probabile composizione del girone a 16 che naturalmente sara il raggruppamento A. Potete notare la presenza di avversarie storiche esponenti delle province limitrofe di Pistoia, Prato, Livorno e Massa Carrara. Insomma un girone abbastanza consolidato nel tempo. Le ambizioni delle nostre. Le culla ovviamente il Castelnuovo che gia’ lo scorso anno ha sfiorato la promozione e che forte di innesti del calibro di Spagnoli e Biggi punta al vertice. E non puo’ dirsi da meno il Seravezza che l’Eccellenza l’ha accarezzata e che ancora ci spera tramite un eventuale ripescaggio. Chiaro che per i verdeazzurri si profila un’altra stagione da protagonisti. Diverso il discorso della Folgor Marlia che si e‘ rinnovata e ringiovanita, e che almeno in partenza pare meno competitiva di un anno fa. Ancora una volta puntera’ alla salvezza il Barga, altra compagine che fara’ leva sui prodotti del vivaio mentre sono tutte da scoprire le nuove realta’ dettate dalle fusioni tra Appennino Pistoiese e Bagni di Lucca e Real Forte dei Marmi e Querceta. Spesso si sa l’unione fa la forza. In questo caso ci sara’ un giudice supremo: il campo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento