Settore lavoro, Provincia di Lucca virtuosa

LUCCA - La Provincia di Lucca, insieme con quelle di Massa e Livorno, è tra le tre amministrazioni provinciali virtuose in Toscana in merito all’indagine sui fabbisogni standard sui servizi del mercato del lavoro.

-

regoli1.jpg

L’indagine è stata condotta dalla Copaff, la commissione paritetica per l’attuazione del federalismo fiscale che fa capo al Ministero delle Finanze, in collaborazione con il Sose, la società specializzata negli studi di settore.
In sostanza la Provincia di Lucca è risultata in piena regola sul controllo della spesa sostenuta in rapporto ai servizi offerti in ambito mercato del lavoro (Centri per l’Impiego in primis) attestandone, quindi, la validità e la correttezza del modello organizzativo.
La notizia è apparsa di recente sulle pagine dei principali quotidiani economici nazionali i quali hanno evidenziato come, in tempi di spending review, tagli agli enti locali e accorpamenti previsti delle Province, ci sono amministrazioni che riescono ad ottimizzare i servizi offerti al cittadino in rapporto al personale utilizzato, alle spese di affitto dei locali, al tipo e al numero di utenza servita, nonché agli sportelli aperti al pubblico.
Il “riconoscimento”, tra l’altro sottolineato anche dal presidente della Provincia di Lucca Stefano Baccelli a margine della recente presentazione del report sull’attività dei Centri per l’Impiego del 2011, consente all’assessore provinciale alle politiche del lavoro e della formazione Mario Regoli di affermare che: “questa virtuosità – commenta – premia il lavoro di tutti, l’accortezza della gestione, e ben si coniuga con l’ottenimento della certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:2008 assegnata a maggio ai Centri per l’Impiego della Provincia di Lucca da ‘Accredia’, l’ente di accreditamento italiano autorizzato dall’UE e dallo Stato italiano”.
“Da quel che sappiamo – aggiunge Regoli – la virtuosità non dovrebbe tradursi in una prossima premialità ma, almeno, metterci al riparo in questo delicato settore da ulteriori tagli ai trasferimenti per garantire servizi certi al cittadino. Ce lo auguriamo molto visto il difficile momento che stanno vivendo numerose famiglie anche sul nostro territorio provinciale”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento