Siccità drammatica, l’allarme di Acque spa

PIANA DI LUCCA - Acque SpA, il gestore idrico della Piana Lucchese, lancia l’allarme. Siamo di fronte alla peggiore crisi idrica da 60 anni a questa parte ed è assolutamente necessario risparmiare acqua.

-

Acque SpA, il gestore idrico della Piana Lucchese, lancia l’allarme. Siamo di fronte alla peggiore crisi idrica da 60 anni a questa parte ed è assolutamente necessario che i Comuni vietino l’utilizzo dell’ acqua potabile per usi diversi da quello alimentare e igienico-sanitario. La richiesta di Acque giunge a seguito di una verifica sulle fonti di approvvigionamento del territorio, delle previsioni meteo e dell’andamento della domanda delle prossime settimane. Nonostante le piogge di aprile e maggio, durante l’autunno e l’inverno scorsi in Toscana è piovuto pochissimo: il 60% in meno della media stagionale, causando una siccità senza precedenti, ben peggiore di quella di anni particolarmente caldi e secchi come il 2003 ed il 2007. Alcune amministrazioni comunali hanno già emanato ordinanze – spiega il gestore – anche a seguito delle indicazioni delle province o dello stato di emergenza decretato dalla Regione. Ma anche sul piano della prevenzione, tuttavia, i comportamenti di ciascuno – dall’irrigazione di orti e giardini, al lavaggio delle auto – possono incidere anche in modo significativo sulla effettiva disponibilità della risorsa durante i giorni più critici. Per questo sul sito www.acque.net è stata creata una sezione speciale con il decalogo per il risparmio idrico, 10 semplici suggerimenti per usare “bene” l’acqua e per ridurre i consumi domestici.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento