Virtus da sogno a Bressanone

ATLETICA - Oro di Giacomo Puccini, in prestito alla Riccardi Milano, nel giavellotto. Bene anche la staffetta 4x100 (Lamont-Bianchi-Rizzo-Orsi) che conquista la medaglia di bronzo. Marco Taddeucci si migliora ancora nel lungo.

-

7_07_12__puccini_giavellotto.jpg

Giornata storica per la Virtus Lucca impegnata a Bressanone nei campionati italiani di atletica leggera con un oro ed un bronzo che hanno inebriato d’orgoglio l’ambiente virtussino ripagandolo del gran lavoro svolto in questi anni. Cominciamo dal titolo assoluto conquistato da uno strepitoso Giacomo Puccini impostosi nel lancio del giavellotto con un notevole 76,42, che costituisce la migliore prestazione italiana dell’anno. Nel 2012 Giacomo, in prestito alla Riccardi Milano, si e’ migliorato di circa 3 metri che non sono bazzecole. Un risultato che dovrebbe schiudergli, almeno si spera, le porte delle societa’ militari rimanendo pero’ legato in modo indissolubile alla Virtus Lucca. Grandissima soddisfazione a fine giornata e’ giunta anche dalla 4×100. La staffetta veloce su cui il DT Matteo Martinelli nutriva ed appuntava tante speranze. I quattro moschiettieri non hanno deluso. Marcel Jacobs Lamont, Vezio Bianchi, Marco Rizzo ed Alessandro Orsi nell’ordine, inseriti nell’ultima batteria e in corsia due, hanno fatto appieno il loro dovere con cambi regolari e ben distribuiti. 41”14 il loro riscontro cronometrico che li pone alle spalle di Aeronautica Militare e Fiamme Gialle. Abbiamo detto piu’ di una volta che le medaglie di squadra per i tecnici hanno un valore aggiuntivo. E non ha deluso le attese neppure Marco Taddeucci. Il forte lunghista lucchese intanto si e’ migliorato staccando un ottimo 7,33, quindi sempre piu’ vicino alla soglia del 7,40. Ma non solo grazie a questo balzo si e’ garantito anche la finale ad otto che ha poi chiuso con l’ottavo posto. Sempre nei salti da registare il settimo posto della lucchese Martina Da San Biagio vicina al personale con 12,86 e poi costretta al ritiro per un problema alla caviglia.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento