Aggredito da un cinghiale

LUCCA - Un residente di Nave è stato aggredito da una femmina di cinghiale e da due piccoli mentre stava portando a spasso il cane nei pressi della sua abitazione.

-

Ad aggredire Daniele Parrini non sono stati rapinatori o malvienti, ma un scrofa di cinghiale con due cuccioli. Una reazione normale per qualunque femmina di mammifero con prole. Chissà che spavento per il povero cinghiale che mentre cercava qualche cosa da mangiare, si visto puntare in fronte una torcia e ha fiutato la presenza di un uomo di un cane. Ovviamente lo spavento è stato tanto anche per Parrini che risiede a Nave, in mezzo a campi coltivati, dove la densità abitativa è veramente esigua. Qui i cinghiali sono apparsi da vari anni e subito la convivenza con l’uomo è diventata difficile. Stando a quanto afferamto dai residenti una vera emergenza che alle votle diventa non solo dannosa, ma anche pericolosa. Certo è che i cinghiali preferirebbero vivere altrove se boschi e colline li potessero ancora ospitare. Tra i residenti dopo l’episodio di Parrini c’è già chi chiede alle autorità di intervenire, magari con soluzioni drastiche.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento