La notte diventa rossonera

CALCIO D - Presentata sabato sera in piazza Anfiteatro la nuova Lucchese. Oltre mille tifosi hanno applaudito i propri beniamini a una settimana dall’inizio del campionato. Ufficializzato l’ingaggio del centrocampista Collini.

-

26_08_12__lucchese.jpg

La notte bianca si colora di…rossonero. E’ infatti la notte della presentazione della nuova Lucchese destinata, almeno cosi’ si spera, ad essere tra le protagoniste del prossimo ed ormai imminente campionato di serie D. Uno alla volta i 29 giocatori della rosa sono sfilati sul palco assieme al tecnico Duccio Innocenti, al suo vice Lulu’ Di Stefano e al diesse Bruno Russo. Lo scenario e’ quello sempre suggestivo della bellissima piazza Anfiteatro. Il tutto condito dalla presenza anche del sindaco di Lucca Tambellini e del presidente della provincia Baccelli. Una serata resa ancor piu’ spettacolare dai fumogeni e dai cori dei tifosi, oltre un migliaio, che hanno gremito la piazza con la solita ed antica passione. E poi i soci di Lucca United sempre attenti e forieri di nuove iniziative. Poche parole ma contenuti chiari per il presidente rossonero Nicola Giannecchini che ha promesso garnde impegno da parte di tutti. Ma non solo calcio poiche’ alla presentazione della Lucchese sono stati notati anche i massimi dirigenti della squadre di basket di ArcAnthea e Le Mura nelle figure dei presidenti Vincenzini e Cavallo. Un segnale preciso degli ottimi rapporti esistenti tra le principali realta’ sportive della citta’. Ed infine a fare da cornice ai “grandi” le cinque squadre del settore giovanile guidate da tecnici che in passato hanno scritto pagine talvolta anche importanti della storia rossonera. Quelle che si spera vengano riscritte al piu’ presto magari con altri trionfi. E proprio nel corso della presentazione la Lucchese ha annunciato di aver definito l’ingaggio di Davide Collini, 29enne centrocampista, il cui acquisto non era stato ancora ufficialmente ratificato. Una pedina in piu’ sullo scacchiere tattico di Duccio Innocenti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento