Centro massaggi chiuso per prostituzione

CAPANNORI - I carabinieri di Lammari hanno sequestrato un centro massaggi gestito da cinesi dove in realtà si praticava la prostituzione. Denunciato il proprietario che sfruttava le prestazioni sessuali della convivente.

-

19_09_centro_massaggi.jpg

Dietro all’insegna di centro massaggi si nascondeva una vera e propria attività di prostituzione. Con queste motivazioni i carabinieri di Lammari hanno posto sotto sequestro un centro benessere di Zone e denunciato due cittadini cinesi.
Nel corso di un’operazione durata alcune settimane, i militari hanno raccolto elementi di prova inconfutabili circa l’attività di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione svolta all’interno del centro, grazie anche alle dichiarazioni rese dai testimoni identificati e controllati all’uscita del locale.
I carabinieri hanno così denunciato due uomini di 30 e 37 anni, entrambi cinesi, per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. In particolare è emerso che i due, uno titolare e l’altro dipendente della società, favorivano una donna cinese di 39 anni, fra l’altro convivente del proprietario, nel praticare la prostituzione per circa 20/30 euro e conseguentemente sfruttavano il guadagno delle prestazioni sessuali. Il giro di affari del locale, che è stato sottoposto a sequestro, si stima si aggirasse intorno ai 15 mila euro al mese.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento