Droga nascosta nella presa elettrica

VERSILIA - La Finanza arresta uno spacciatore di fiducia di professionisti e commercianti: i finanzieri hanno scoperto che nascondeva la cocaina in una presa elettrica della sua abitazione.

-

Indagini antidroga iniziate monitorando i night di Viareggio e della Versilia hanno portato la guardia di finanza a scoprire ed arrestare un ‘pusher’ di fiducia di professionisti, commercianti e appartenenti a ceti benestanti. Difficile, pero’, trovare subito la droga nella casa affittata a Camaiore da Pietro Rutigliano, 40 anni, di Pietrasanta: ma poi, nel corso della ricerca, un militare ha avuto un’intuizione precisa e ha trovato la cocaina nascosta in una presa della corrente. Dentro c’erano 50 dosi di cocaina pura per un valore di 5.000 euro. Il ‘pusher’ aveva costruito un congegno particolare: per estrarre dall’interno del muro la droga, aveva collocato un magnete adatto a tirare via un piccolo contenitore metallico. Il magnete e la presa erano poi celati da una cassettiera. Per giorni le Fiamme gialle hanno osservato i movimenti nella casa di Camaiore, presa in affitto dallo spacciatore con una pigione di circa 1.100 euro al mese. Ieri, prima di cena, dopo un andirivieni di persone dall’abitazione i militari hanno fatto irruzione ed hanno trovato nascosti un pupazzo di peluche con 2.200 euro in contanti e su un tavolo una confezione di mannitolo, diuretico utilizzato anche per i bambini, ma che viene usato anche per confezionare dosi di cocaina. Grazie a questi indizi i finanzieri hanno insistito con la ricerca dello stupefacente procedendo ad un’accurata perquisizione finche’ uno di loro ha pensato che la droga dovesse avere un nascondiglio piu’ singolare del solito. L’arrestato convive con una ballerina romena di 28 anni: quando e’ stato arrestato si e’ complimentato con i finanzieri proprio perche’ sono riusciti a trovare la droga nascosta in un posto che riteneva sicuro. Le indagini della compagnia della guardia di finanza di Viareggio sui night della Versilia e sui loro frequentatori proseguono.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento