Lucchese in ansia per Brega e Casapieri

CALCIO D - La Lucchese passa d’autorita’ a Borgo San Lorenzo ma il successo (2-0) sulla Fortis Juve pagato dai rossoneri con gli infortuni di Brega e Casapieri. Difficile il loro recupero per la gara interna con il Fidenza.

-

17_09_12__lucchese.jpg

Tre punti pesanti ma anche due dei giocatori tra i piu’ importanti perduti per infortuni sulla cui gravita’ bisognera’ attendere le prossime ore. La Lucchese torna dal Mugello rinfrancata dalla bella vittoria sulla Fortis Juve e da un prova, soprattutto nel primo tempo, piu che convincente, ma anche scottata dai problemi fisici palesati da Cristian Brega e Leandro Casapieri. Il bomber ha confermato tutta la sua indiscutibile bravura giocando 43 minuti di assoluto livello e confezionando una rete di pregevole fattura tecnica. Insomma il solito Brega che del resto al “Giacomo Romanelli” ben conoscevano per quanto, e tanto, aveva saputo fare lo scorso anno. Poi su un allungo si e’ bloccato costretto a lasciare il campo con un’ampia fasciatura, un bloccaggio, alla coscia sinistra. Diversa la dinamica dell’infortunio che ha bloccato Leandro Casapieri. Il magico portierino rossonero si e’ fatto male parando il rigore di Fusi e salvando cosi’ la squadra nel momento piu’ difficile. Il mignolo della mano destra ha fatto crac ma nel dopopartita ha trovato anche la forza di scherzarci su. Chiaro che il rischio concreto di dover fare a meno di Brega e Casapieri e’ una tegola che non ci voleva ma Duccio Innocenti e’ consapevole che dovra’ fare di necessita’ virtu’. Cosi’, in attesa del transfer del brasiliano Da Silva e di eventuali rinforzi dal mercato che lo stesso presidente Giannecchini non ha escluso, si deve guardare avanti. Ad una classifica che sorride col secondo posto alle spalle della lepre Pistoiese e con una squadra che forse manca ancora di continuita’ nell’arco dei 90 minuti, ma che a sprazzi ha fatto vedere di essere compagine di ottimo spessore. Ecco perche’ tornando dal Mugello si puo’ guardare al futuro con rinnovata fiducia…

Lascia per primo un commento

Lascia un commento