Lucchese, perché non parliamo della difesa?

CALCIO D - Se in questi giorni si è parlato tanto, forse anche troppo, dei problemi offensivi quando Brega non c’è, è giusto parlare anche di un punto di forza dimostrato finora dai rossoneri: la difesa.

-

Sulla carta, migliore trasferta, in questo momento, non poteva esserci. Una Lucchese che al Porta Elisa contro il Fidenza non ha entusiasmato, ha subito l’opportunità di riscattarsi andando a cercare i tre punti a Forcoli, contro una squadra che naviga al penultimo posto della classifica. Trasferta abbordabilissima anche per i tifosi che probabilmente colonizzeranno lo stadio Brunner (capienza 1.000 posti).
La formazione che mister Innocenti manderà in campo è ancora tutta da decidere, ma se in questi giorni si è parlato tanto, forse anche troppo, dei problemi offensivi quando Brega non c’è, è giusto parlare anche di un punto di forza dimostrato finora dai rossoneri. Stiamo parlando della difesa, bucata 1 sola volta in 4 partite e anche domenica scorsa, seppur messa sotto pressione da un Fidenza pungente, ha risposto con pochissime sbavature. La coppia centrale Espeche-Carli rappresenta una vera garanzia, supportata sulle fasce dai giovani De Vita e Barretta e dal più esperto Angeli. E quando si commettono qualche errori ecco spuntare i guantoni di Casapieri o Babbini.
L’atteggiamento e soluzioni offensive, forse è vero, vanno migliorate, ma con una retroguardia così la Lucchese può guardare in avanti con grande fiducia.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento