Una retrospettiva su Francesco Fanelli

LUCCA - Sul lago caro a Puccini, come nella darsena viareggina, trovava ispirazione per ogni forma d'arte il "club della Bohème". Ne faceva parte anche Francesco Fanelli, pittore d'inizio '900, ricordato in una mostra a Lucca.

-

La Fondazione Banca del Monte di Lucca dedica una mostra a Francesco Fanelli, pittore amico di Giacomo Puccini. Le opere ritraggono le ambientazioni e i personaggi del lago di Massaciuccoli e della darsena viareggina d’inizio Novecento. La mostra, intitolata “Trasparenze solari”, è stata curata dai critici Giovanna e Filippo Bacci di Capaci, in collaborazione con Marco Palamidessi della Fondazione. Fanelli, che studiò anche a Lucca, fu allievo di Giovanni Fattori a Firenze e poi si stabilì a Torre del Lago nel 1893. Qui realizzò le decorazioni murali di Villa Orlando e quelle di Villa Ginori alla Piaggetta. Fu un pittore schivo e riservato, con uno stile riconoscibile di misurato divisionismo che evolse verso l’impressionismo. Pennellate di luce e valori cromatici che esaltano la maestria del disegno, ispirato dalla bellezza della natura. Rifugio, modello naturalistico e paesaggio dell’anima: lo straordinario habitat fra Viareggio e Torre del Lago, ha rappresentato tutto questo per il gruppo di artisti che diede vita al club della Bohème, dove le arti si mescolavano alla caccia e al gioco. Il catalogo della mostra ospita alcuni interessanti interventi critici, fra i quali quello di Umberto Sereni. Le 42 opere possono essere ammirate nel Palazzo della Fondazione fino al 30 settembre.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.