Due imprenditori condannati per bancarotta

LUCCA - Due imprenditori della Valle del Serchio sono stati condannati dal Tribunale di Lucca a sette anni di reclusione per la bancarotta del calzaturificio Isoshoes di Segromigno.

-

Nel novembre del 2010 erano stati arrestati dalla Guardia di Finanza, per il crack del calzaturificio Isoshoes di Segromigno. Adesso per Alberto Pieroni, 53 anni, originario di Barga e Marino Bertoli, 57 anni, residente a Gallicano, sono arrivate anche le condanne, decise dal tribunale di Lucca: sette anni e quattro mesi di reclusione per entrambi, con l’accusa di bancarotta fraudolenta.
Il calzaturificio Isoshoes era fallito nel maggio del 2008. Due anni dopo la Fiamme Gialle avevano accertato che i due imprenditori avevano fatto sparire tutto dall’azienda: macchinari, le merci, ed i ricavi. E anche della contabilità non c’era più traccia.
Le indagini avevano dimostrato che i due imprenditori si servivano di una serie di piccole società per l’assunzione e la fatturazione del personale, società che poi venivano portate sistematicamente al fallimento. Inoltre, non versavano i contributi previdenziali ed assistenziali agli operai.
Due anni fa erano scattati gli arresti, oggi sono arrivate le condanne. Gli avvocati difensori dei due imprenditori hanno annunciato ricorso in appello.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento