Inchiesta su Ciancimino, perquisizione a Lucca

LUCCA - Approda anche a Lucca l'inchiesta condotta dalla DDA di Roma sulla più grande discarica di rifiuti in Europa e che vede coinvolto anche Massimo Ciancimino. I carabinieri hanno perquisito l'abitazione di Claudio Imbriani.

-

perquisione.jpg

Secondo l’indagine, la discarica rumena (dal valore di oltre 100 milioni di euro) sarebbe nella disponibilità di Massimo Ciancimino attraverso un prestanome e farebbe parte del provento dell’illecita attività del padre. Il figlio dell’ex sindaco di Palermo è indagato dalla procura di Roma per concorso in riciclaggio. La procura sta indagando su altre otto persone, fra cui appunto Claudio Imbriani, che in questi anni sarebbero stati incaricati di vendere e acquistare società che facevano capo a Ciancimino junior per ”polverizzare” il cosiddetto ‘tesoro di Ciancimino’, pari a circa 100 milioni di euro, attraverso il riciclaggio di denaro nell’ambito dei rifiuti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento