Parata di stelle alla LuccaMarathon

ATLETICA - Si disputa domenica la quarta edizione della LuccaMarathon. La corsa si preannuncia di ottimo livello tecnico.

-

La LuccaMarathon e’ ancora giovane ma vuol crescere in fretta. I numeri e gli atleti per farlo ci sono tutti. 21 paesi presenti dai cinque continenti ed una parata di stelle di assoluto livello tecnico sono il preambolo alla quarta edizione che si disputera’ domenica mattina. Partenza alle 9 dall’antico Caffe’ delle Mura e arrivo previsto due ore e dieci-quindici minuti dopo nella splendida cornice di piazza San Michele. Il record della corsa appartiene al keniano Kipkering, due volte vincitore a Lucca, con 2h.17’40” stabilito nel 2010, un record che gia’ trema. Favorito e campione uscente il burundiano dal nome che sembra una scioglilingua Joachim Nishimirimana. Non mancheranno gli interlocutori di spicco quali il capoverdiano Fortes Spencer Valdera e poi il solito folto stuolo di keniani: Kipsang, Kipkemoi ed ancora il marocchino Jouad Zain. Da non trascurare le possibilita’ di Jilali Jamali atleta delle Apuane. Tra gli italiani cercheranno il loro spazio Romano ed El Fadil mentre e’ all’esordio sulla distanza il promettente Igor Rizzi. Tra gli atleti locali Giovannelli della Virtus, Simi e Rubino ancora del sodalizio biancoverde di Graziano Poli. In campo femminile da battere il 2h.39’ di Eliana Patuelli. I favori del pronostico vanno alla 26enne Elisa Stefani della Fanfulla Lodigiana. Franzese, Viccari e Durpetti le rivali piu’ accreditati. La LuccaMarathon 2012 sara’ valida come campionato nazionale dei Veterani dello sport ed inoltre saranno premiate le prime tre societa’ con piu’ di dieci atleti all’arrivo. Uno dei motori della grande macchina organizzativa e’ la CR Lucca – Gruppo Banco Popolare. Infine la manifestazione si avvarra’ della presenza del mitico Gelindo Bordin , oro olimpico di maratona a Seul nel 1988. LuccaMarathon protagonista a “Primo Piano” lunedi’ sera alle ore 21 con immagini della corsa ed ospiti in studio nella trasmissione condotta da Guido Casotti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento