Senza colpevoli l’eccidio di Sant’Anna

STAZZEMA - Sentenza-shock dalla Germania: secondo la procura di Stoccarda non ci sono prove per dimostrare che gli ex SS ancora in vita furono coinvolti nel massacro di 560 persone. Inchiesta archiviata.

-

Gli inquirenti tedeschi indagavano dal 2002 per l’accusa di omicidio contro i componenti della sedicesima divisione corazzata “Reichsfuehrer” ma non avrebbero trovato elementi utili a dimostrare la responsabilità individuale dei 17 nazisti ancora in vita. Compreso Gerhard Sommer, 91 anni, condannato nel 2005 all’ergastolo insieme ad altri nove imputati dal Tribunale Militare della Spezia.
Il sindaco di Stazzema, Michele Silicani, ha definito “scandalosa” la sentenza di Stoccarda annunciando la volontà di coinvolgere al più presto il ministro degli Esteri, Giulio Terzi e della Giustizia, Paola Severino. Il tribunale spezzino, infatti, ha accertato oltre ogni ragionevole dubbio le responsabilità dei dieci imputati che, infatti, sono stati condannati dalla giustizia italiana; “per questo – ha concluso Silicani – chiederò ai nostri ministri di lavorare con i colleghi tedeschi affinché le sentenze emesse in Italia vengano riconosciute anche in Germania”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento