Non toccate l’ospedale S. Francesco

BARGA - Non tagliare i servizi sanitari in Valle del Serchio. Questa la richiesta che sarà rivolta alla Asl 2 sabato prossimo, con la manifestazione promossa dal Comune in difesa dell'ospedale S. Francesco.

-

Non tagliare i servizi sanitari in Valle del Serchio. Questa la richiesta che sarà rivolta alla Asl 2 sabato prossimo, con la manifestazione promossa dal Comune di Barga, dall’Osservatorio della Sanità della Valle e dal Comitato in difesa del cittadino. Il direttore della Azienda sanitaria di Lucca, Antonio D’Urso, ha infatti annunciato alcune mesi fa che in vista della realizzazione del nuovo ospedale della Valle del Serchio la Asl ha intenzione di chiudere uno dei due presidi attualmente operanti a Barga e Castelnuovo.
“Chiediamo alla Asl di tornare indietro su questa decisione – ha detto il sindaco di Barga Marco Bonini – perchè la Valle del Serchio non può permettersi un ulteriore taglio dei servizi sanitari. E anche perchè, prima di prendere iniziative, è meglio attendere la riorganizzazione generale già annunciata dalla Asl, in particolare sulla futura Casa della Salute”.
La manifestazione di sabato, denominata “in difesa del San Francesco”, inizierà alle 10 con il ritrovo alla Chiesa del Sacro Cuore e poi con il corteo verso l’Ospedale”.
Intanto, dopo la ratifica da parte della Conferenza dei sindaci del sito di Piano Pieve, non è ancora stata consegnata la relazione della Regione sul tipo di ospedale che verrà realizzato: o un centro completo di punto nascita e degli altri servizi di tipologia B o un ospedale con non più di 75 posti letto e servizi ridotti.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento