Perini Korber, la vertenza continua

LUCCA - Dieci giorni fa l’annuncio shock degli oltre 100 esuberi alla Perini Korber di Mugnano. La prossima settimana sono previsti altri incontri tra azienda e sindacati. Facciamo il punto della situazione.

-

Sindacati e direzione aziendale torneranno ad incontrarsi lunedì e mercoledì prossimi per discutere della riorganizzazione del lavoro alla Perini Korber di Mugnano, azienda leader nelle macchine per cartiera che conta 538 dipendenti.
All’inizio di luglio l’azienda ha annunciato che questa riorganizzazione comporterà 130 esuberi. Non è stato comunicato in quali settori dovrebbero esattamente ricadere questi tagli. L’azienda, ha riferito la Fiom Cgil, ha indicato in maniera generica la necessità di sfoltire gli uffici, dove sarebbero stati individuati doppioni funzionali, e il personale del magazzino. Sempre il sindacato sottolinea comunque che al momento non è stata aperta nessuna procedura di mobilità e che quella dell’azienda, sia pure pesante, è solo una comunicazione.
Di sicuro c’è invece il fatto che, nell’ambito della riorganizzazione, il reparti utensili con i suoi 24 dipendenti passerà all’azienda Mec Industries, che ha anche annunciato investimenti nello stabilimento. La Fiom Cgil, ha detto il segretario Massimo Braccini, chiederà comunque che la Perini si faccia garante per il rispetto degli accordi su questo reparto.
In generale, per il sindacato ci sono i margini per trovare soluzioni alternative agli esuberi, perchè la Perini non si trova in condizioni economiche disastrose.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento