Bilancio da record per la Fondazione CRLucca

LUCCA - 49 milioni di utili, 30 dei quali erogati sul territorio della provincia per alimentare cultura, assistenza sociale, salute. Sono numeri eccezionali quelli che compongono il bilancio 2013 della Fondazione CRLucca.

-

Grazie all’attività svolta nel corso dell’ultimo anno, quella lucchese si è guadagnata il titolo di prima fondazione bancaria in Italia nel rapporto tra patrimonio e avanzo di gestione e il quinto posto in termini di utili prodotti, dietro a colossi quali Cariplo e San Paolo.
Il merito va ad una gestione esemplare degli impieghi. L’avanzo di gestione, cioè il rapporto tra ricavi e costi, è stato di 49,1 milioni di euro (il migliore di sempre nella storia della Fondazione). Grazie a questi soldi, il patrimonio è salito a 1 miliardo e 193 milioni; ma soprattutto 30 di questi 49 milioni di euro sono stati erogati sul territorio.
I settori sono stati moltissimi. La maggior parte dei finanziamenti è andata all’arte, attività e beni culturali (8,8 milioni di euro) e all’istruzione (8,5 milioni), poi la ricerca scientifica (3,3 milioni) e il volontariato (2,9 milioni).
Tra gli interventi più importanti, senza dubbio, quelli sulle Mura di Lucca con oltre 7 milioni di euro. Ma anche sull’edilizia scolastica con un impegno complessivo per i prossimi anni di ben 20 milioni di euro.
Per il futuro sono tre i progetti più importanti messi in cantiere: il restauro del Mercato del Carmine (ci sono 3 milioni di euro che il Comune di Lucca dovrà decidere come spendere), il recupero della Pineta di Ponente e la ristrutturazione dell’ex Inapli a Viareggio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento