Il cibo e la terra secondo Carlo Petrini

BARGA - Il presidente di Slow Food Internazionale è stato l’ospite d’eccezione del Memorial Enzo Pedreschi, oragnizzato all’Istituto Alberghiero in ricordo del fondatore della Condotta Garfagnana Valle del Serchio.

-

Il cibo, i prodotti della terra e tutti i lavori che ruotano attorno a questo settore devono essere riscoperti e alimentati. E’ stata una giornata che probabilmente ricorderanno per sempre quella che i ragazzi dell’Istituto Alberghiero di Barga hanno vissuto al fianco di Carlo Petrini. Il presidente di Slow Food Internazionale è stato l’ospite d’eccezione del Memorial Enzo Pedreschi, fondatore e primo fiduciario della Condotta Slow Food Garfagnana e Valle del Serchio. I protagonisti sono stati i giovani che al mattino hanno partecipato ai laboratori alla scoperta dei prodotti tipici della Garfagnana, mentre gli chef insegnavano agli studenti come prepararli. Nel suo intervento Carlo Petrini ha fatto un grosso richiamo alla manualità, gli artigiani, i contadini. Alla fine, di fronte alla sua famiglia, il ricordo commosso di Enzo Pedreschi. Petrini ha consegnato una targa ricordo della bella giornata alla moglie Anna.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento