Arrestato il presunto autore del pestaggio

LUCCA - I carabinieri hanno arrestato il presunto aggressore dell'autotrasportatore di 44 anni trovato privo di sensi sabato mattina in un parcheggio di Ponte San Pietro.

-

Tentato omicidio. Con questo pesante capo d’accusa è stato tratto in arresto A.S., lucchese del ’75, ritenuto dagli inquirenti il responsabile – forse insieme ad altri – del pestaggio ai danni di Rossano Barsotti, il 44 enne trovato in fin di vita davanti alla sua auto parcheggiata nei pressi della piscina H2O di ponte S.Pietro. A lui i carabinieri sono giunti quasi subito, appena sono riusciti ad identificare la vittima ( trovata esanime priva di documenti) e aver ricostruito le ore precedenti l’aggressione avvenuta nel tardo pomeriggio di venerdì. Barsotti, dopo la separazione dalla moglie, avrebbe iniziato una relazione sentimentale con la compagna di un conoscente, conosciuta proprio tramite lui. Stanco della situazione, Barsotti avrebbe deciso di troncare i rapporti. E’ qua che scatta la molla che ha portato all’aggressione di Ponte S.Pietro. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la donna avrebbe chiamato il Barsotti durante la partita della Nazionale per incontralo, fatto confermato dal vicino di casa dell’uomo con cui stavano guardando il match. Una volta arrivato sul posto però, secondo le ipotesi, l’uomo ad attenderlo avrebbe trovato il compagno di lei, presumibilmente accompagnato da uno o più complici , che avrebbero messo in atto il pestaggio. L’autotrasportatore ha subito lo sfondamento delle orbite, e la frattura esposta di tibia e perone, oltre ad una forte commozione cerebrale. Data la gravità delle lesioni per A.S. è scattata l’accusa di tentato omicidio, mentre la posizione della donna è ancora al vaglio degli inquirenti, così come l’eventuale coinvolgimento di complici.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento