Cena sulla Mura, le scuse dell’organizzazione

LUCCA - Ausilia Salerno (Centro Studi S.Marco) “ Orgogliosa per il record, ma dobbiamo chiedere scusa per la cena”.

-

vassoio.jpg

Il giorno dopo l’ottenimento del Guinness World Records “Longest line of tables”, la tavola più lunga al mondo, conquistato con la manifestazione Aggiungi un posto a tavola di venerdì sulle Mura di Lucca è enorme la soddisfazione della coordinatrice dell’ evento Ausilia Salerno del Centro Studi S.Marco ma con una vena di delusione.
“Fino alla conquista del record tutto è stato fantastico. La città ha risposto alla grande, come testimonia la presenza di tutte le più importanti autorità al taglio del nastro. La location straordinaria, le luci perfette, insomma, si poteva essere orgogliosi di quanto stavamo facendo.
“Ricordo a tutti le stringenti normative Asl che ci hanno obbligato all’allestimento della cena con il plateaux repas, con il divieto tassativo di cucinare o ricondizionare il cibo sulle Mura e l’obbligo di doverlo servire interamente confezionato, compreso il pane. Nonostante l’importanza dell’evento, non ci sono state concesse deroghe di alcuna natura. Poi l’impensabile: una cena assolutamente non in linea con gli accordi scritti, che, purtroppo, non sono stati rispettati, e di questo ci occuperemo in seguito nei modi a nostra disposizione. Voglio scusarmi personalmente con tutte le persone che hanno partecipato, alcune delle quali ci hanno manifestato civilmente la propria insoddisfazione.
Unica perfezione assoluta la presenza dei sommelier della Fisar, tocco di classe e professionalità ineccepibile.
“Aggiungi un posto a tavola è un evento che vuole dare visibilità nel mondo a Lucca e il Giudice Guinness World Records, Lucia Sinigagliesi, ha già cominciato a lavorare sulla comunicazione internazionale dell’evento, al centro della quale ci sarà Lucca e le sue Mura” continua Ausilia Salerno ”Aggiungi un posto a tavola già nella sua prima edizione, cena a parte, è un successo notevole per la città e gli elogi ricevuti, come organizzatori, sono tantissimi, con molteplici richieste di ottenere altri Guinness World Records a favore della nostra meravigliosa città.”

Lascia per primo un commento

Lascia un commento