Imprese artigiane contro la crisi

LUCCA - Le imprese artigiane cercano di resistere, ma sono necessari interventi per rilanciare i consumi, l'unica strada per risollevare questo settore.

-

La ricetta arriva dall’assemblea annuale organizzata dalla Cna di Lucca a Villa Bottini, alla quale ha partecipato anche il presidente nazionale Daniele Vaccarino. Nel corso della giornata sia il Comune di Lucca che quello di Seravezza hanno firmato l’adesione al protocollo per il “Comune amico degli artigiani” promosso da Cna per promuovere la collaborazione tra le imprese e gli enti locali. Imprese e politica devono camminare insieme, ha sottolineato il presidente provinciale Luca Poletti, che durante l’assemblea ha consegnato premi e attestati agli artigiani che contribuiscono alla ricchezza della nostra provincia e anche a tutte le nuove aziende artigiane che sono state aperte nel 2013 e nel 2014. «Esprimiamo la parte migliore di questo Paese la sua parte sana – spiega – abbiamo con noi persone che hanno dedicato la vita alla propria azienda e hanno realizzato cose che sono servite alla comunità».
Il presidente nazionale Vaccarino ha puntato l’attenzione sui segnali positivi, che vanno coltivati prima che sia troppo tardi. «In Italia è rimasto un corpo centrale dell’economia fatto di piccole e medie imprese che in questi anni ha retto l’economia. Oggi è molto più difficile per un sistema di piccole imprese continuare a lungo una situazione del genere. Ora ci sono timidi segnali di ripresa che però non vengono ancora colti dal nostro sistema produttivo nonostante ci siano alcuni settori che stanno migliorando. Il sistema delle piccole imprese è in grado di reinventarsi e cercare nuovi mercati, per questo abbiamo la grande responsabilità di raccogliere la sfida lanciata dal Governo».

Lascia per primo un commento

Lascia un commento