“Millennium”, il sindaco Buratti se la prende con la Rai

FORTE DEI MARMI - Il sindaco Umberto Buratti si è risentito per il trattamento che il paese ha ricevuto durante la trasmissione "Millennium", andata in onda ieri sera.

-

thn_buratti.jpg

“Invierò una nota al Direttore generale della Rai per rappresentargli alcune rimostranze riguardo alla trasmissione Millennium, andata in onda in collegamento da Forte dei Marmi martedì sera”. Il sindaco Umberto Buratti si è risentito per il trattamento che il paese ha ricevuto, soprattutto durante il servizio preregistrato.
“La trasmissione – prosegue Buratti – si proponeva, così come mi avevano informato, di far luce sul tema della spending review, dei tagli alla spesa e degli sprechi pubblici, e così è stato, salvo che nel collegamento esterno previsto qui a Forte dei Marmi, da dove è stato mandato in onda un servizio preregistrato sulla presenza dei russi e sull’operato delle agenzie immobiliari locali, raffigurate quasi
come attività fraudolente.
Inoltre, ho rilevato una spedizione di uomini e mezzi Rai importante, proprio l’esatta concretizzazione di ciò che la trasmissione si proponeva di stigmatizzare e per certi versi condannare. Il tempo in onda da Forte dei Marmi, infatti, è stato non superiore a 15 minuti su due ore e mezzo di programma, tanto che alcune persone invitate a partecipare non sono state intervistate e questo nonostante le ripetute sollecitazioni telefoniche della conduttrice Elisabetta Margonari. Che costi ha comportato la trasferta a Forte dei Marmi di tutto il team di Millennium solo per 15 minuti di collegamento?  Francamente, se fosse stato per i tre sindaci (il sottoscritto e i colleghi di Livorno e Viareggio) sarebbe stato più saggio e meno dispendioso fare un intervista telefonica o registrata, di sicuro meno incidente sul budget di un emittente pubblica come la Rai. A meno – conclude il sindaco – che i pochi minuti lasciati al collegamento esterno siano dovuti solo all’incapacità della conduttrice in studio Mia Ceran di gestire il dibattito e la trasmissione”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento