Progetto -anche- lucchese per il Ponte sul Serchio

LUCCA - Ci sono anche professionisti lucchesi nel team che ha firmato il progetto scelto per la realizzazione della nuova infrastruttura struttura. Avra' 3 arcate per un totale di 260 metri. Sata' cantierabile nel 2015.

-

https://www.youtube.com/watch?v=OT6R2EfAExs

Il cantiere per il nuovo ponte sul Serchio potrebbe essere aperto già a fine maggio 2015. Ha fiducia in una procedura veloce la Provincia, dopo che questa mattina è stato reso noto il nome del progetto vincitore del concorso per l’opera sul fiume lucchese. Ad aggiudicarsi il punteggio più alto, da una commissione tecnica è stata la ITEC Engeneering srl, di cui è a.d. l’ing. Roberto Vallarino (di Sarzana) coordinatore di un team costituito dagli architetti Luciano Lucchesi e Loris Mencacci e dal geologo Vincenzo Buchignani, questi ultimi professionisti di Lucca. La notizia del loro successo è stata data durante l’assemblea pubblica a Palazzo Ducale in un’atmosfera di suspance poiché soltanto oggi la commissione – che ha lavorato senza conoscerne gli autori – ha potuto abbinare i nominativi degli studi professionali ai progetti finalisti. Su 41 candidature da tutta Italia ma anche da Inghilterra, Irlanda, Spagna, Germania e Lussemburgo, otto sono arrivati alla fase finale e la ITEC Engeneering ha ottenuto il punteggio più alto. Il progetto vincitore, prevede la costruzione di un viadotto in acciaio a via inferiore con impalcato sostenuto da tre arcate di 80 m, 100 m e 80 m, e sarà realizzato a monte dell’attuale ponte di Monte S. Quirico e dovrà collegare la SP 1 Francigena, poco prima del ponte sul Torrente Freddana e la SS 12 del Brennero. il presidente della Provincia Stefano Baccelli ha ricordato quanto il nuovo ponte rappresenti un intervento strutturale importantissimo e strategico sia per fluidificare la viabilità, sia per innalzare i livelli di sicurezza del territorio. E come fosse la prima volta sul di un concorso di idee a livello internazionale per scegliere dal punto di vista della tecnica, della creatività e della qualità architettonica, nel rispetto dell’ambiente. Prossimo passo per la realizzazione dell’opera la procedura per la verifica di assoggettabilità alla Valutazione di Impatto Ambientale

Lascia per primo un commento

Lascia un commento