Sbloccati i soldi per il terremoto

ROMA - Nella riunione di ieri il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera alla seconda parte di stanziamenti per la ricostruzione degli edifici danneggiati dal terremoto dello scorso anno in Garfagnana e Lunigiana.

-

I 16 milioni destinati alla ricostruzione post-sisma sono in arrivo: ieri il Consiglio dei Ministri ha deliberato l’erogazione della seconda tranche di fondi destinati a Garfagnana e Lunigiana colpite dall’evento del 21 giugno 2013. La conferma e’ arrivata dalla parlamentare Pd Raffaella Mariani. “È una bella notizia per la nostra terra – ha detto la Mariani -: dopo l’assegnazione dei primi 5 milioni per la fase post-emergenza, adesso può prendere il via la seconda parte della ricostruzione”. La seconda tranches di finanziamenti è destinata in particolare agli interventi sulle prime case e sulle infrastrutture e gli edifici pubblici danneggiati. Nel dettaglio, i fondi verranno trasferiti alla Regione Toscana in regime di contabilità speciale. Lo stanziamento garantisce le condizioni necessarie al risarcimento e alla ricostruzione, oltre ad un’importante boccata d’ossigeno per il nostro territorio, essenziale per ripartire dopo le gravi difficoltà seguite al terremoto. Gli investimenti costituiranno infatti un’occasione vitale per le moltissime piccole imprese edili ed artigianali oggi in grave crisi che ci auguriamo potranno trovare opportunità di lavoro importanti”. Il governo Renzi, conclude Mariani “ha mantenuto gli impegni presi: all’esecutivo e al capo della Protezione Civile Franco Gabrielli un ringraziamento sincero per questo ulteriore e importante segnale di attenzione alla nostra terra ferita”. 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento