Boccabugia, poesia e tradizione

VERGEMOLI - Il Boccabugia è un concorso di poesia estemporanea che si tiene la prima domenica di agosto nel paese di Vergemoli.

-

Questa competizione poetica, nata nel 1972, deve il suo nome a Iacopo Vanni, morto nel 1911, detto il “Boccabùgia”, perchè, probabilmente, aveva la “bocca vuota”, cioè senza denti, o perchè era solito tenerla “ben aperta”, in quanto parlava e rispondeva facilmente usando le rime. Si ricorda ancora di due famose sfide fra il “Boccabùgia” e il “Chioccoron” di Careggine avvenute a Castelnuovo nella piazza principale, dove i due poeti si sfidarono a colpi di rime.
Anche quest’anno, e ormai è una tradizione, alla giornata ha partecipato come conduttore anche il comico, attore e regista Paolo Ruffini.
Sono i componenti di un’apposita giuria a decidere i temi da trattare. Dopo aver saputo l’argomento i partecipanti hanno un’ora di tempo per creare i versi, allontanandosi sotto la pania o all’ombra dei boschi. Dunque tornano e declamano la loro poesia. Il “Boccabùgia” si conclude con l’assegnazione dei premi mentre in paese si continua a far festa.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento