Now I know – ora io so

STAZZEMA - Una mostra di studenti liceali da tutta italia per i 70 anni della strage di Sant'Anna, inaugurata alla presenza della ministra all'Istruzione.

-

In occasione del 70esimo anniversario della strage di Sant’Anna, è stata inaugurata la mostra Now I know, ora io so, realizzata da 27 ragazzi delle scuole italian,e arrivati a Stazzema per una settimana di studi.
“Sant’Anna di Stazzema: il passato, il presente, il futuro” è il progetto – realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, il Comune di Stazzema, il Parco Nazionale della Pace, l’Unione dei Comuni della Versilia, Associazione Nazionale Partigiani Italiani e Istituto Nazionale per gli Studi del Movimento di Liberazione Italiana – per il quale sono stati selezionati 27 ragazzi delle scuole medie superiori di tutta Italia, che hanno vissuto una settimana nel territorio per mettere in pratica l’obiettivo del Museo e del Parco della pace: cioè perpetuare la memoria, educare ai valori della libertà e della democrazia, far conoscere Sant’Anna perché quanto accaduto in questo centro nel cuore delle Apuane in Alta Versilia possa non ripetersi più. Seguiti da docenti di storia, fotografia, regia, i ragazzi hanno raccolto testimonianze dei superstiti, realizzato interviste, scattato foto e girato video. Un eccezionale lavoro di ricostruzione e analisi visibile sul blog “oraioso” dove si possono ascoltare le voci dei superstiti. La mostra è stata inaugurata al centro di accoglienza di Sant’anna di Stazzema alla presenza del sindaco Maurizio Verona, di Renzo Gattegna, presidente dell’Unione delle Comunita’ ebraiche italiane e del console e di Stefania Giannini, ministro dell’istruzione università e ricerca.
Un lavoro di documentazione, di creatività e sensibilità in cui si sono impegnati gli studenti di tutta la penisola, da Catania a Roma, da Reggio Emilia ad Anzio. Che hanno dato davvero un segno di speranza per le generazioni future e un punto di vista diverso su come giudicare il passato. Perché quelle centinaia di morti innocenti resti sempre un monito, ma non ci paralizzi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento