Troppo rumore dal S.Luca

LUCCA - I residenti delle case adiacenti al nuovo ospedale S.Luca hanno protocollato una lettera di protesta per i troppi rumori provenienti dalla struttura sanitaria sia di giorno che di notte.

-

La convivenza tra la struttura del nuovo ospedale S.Luca e i residenti di S.Filippo che si sono ritrovati il monoblocco sanitario alle porte di casa non è mai stata serena. Una guerra continua di esposti e segnalazioni sfociata nell’ultima lettera protocollata alla direzione della ASL, ai carabinieri e all’ ARPAT. Al centro della protesta i rumori provenienti dalla struttura ospedaliera: in particolare la lettera fa riferimento alle sirene provenienti dalle porte allarmate, oltre ai rumori causati dalle centrali termiche ed altri suoni di cui non si riesce a capire la natura ma che continuano in maniera discontinua sia di giorno che di notte, impedendo di fatto il sonno dei residenti. Secondo quanto riferito nella lettera, i residenti sarebbero obbligati a stare barricati in casa per riuscire ad ovviare a questi rumori molesti. Le richieste fatte dal comitato agli enti preposti sono dunque la verifica della documentazione relativa la normativa vigente concernente i sistemi di allarme attuati dalla ASL e la temporanea sospensione degli allarmi, con la richiesta di indirizzarli solo alla control room presidiata 24 ore su 24.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.