Viareggio: Pd chiede espulsione consiglieri dissidenti e senatrice Granaiola

VIAREGGIO - Dopo la caduta della giunta, l'assemblea Pd ha chiesto l'espulsione dal partito dei due consiglieri che si sono dimessi e della senatrice Granaiola.

-

pd3.jpg

L’assemblea del Partito Democratico di Viareggio ha deliberato all’unanimità il deferimento della Sen. Manuela Granaiola e degli ex Consiglieri Comunali Sandra Mei e David Zappelli agli organi di garanzia chiedendone una loro espulsione dal Partito a seguito delle ultime vicende della vita politica cittadina con il conseguente scioglimento del Consiglio Comunale, “per la condotta contraria ai principi base del Partito, del suo Statuto e del suo Codice Etico”.
“Per ciò che attiene alla Senatrice – si legge nel documento – è di evidenza pubblica la chiara volontà di guidare i due consiglieri comunali, anche mediante l’utilizzo di mezzi stampa nonché all’interno dello stesso partito, preferendo attaccare il Sindaco in molteplici occasioni documentabili”.
“Ho colto l’occasione – annuncia Elisa Montaresi, Segretaria del PD di Viareggio – per annunciare all’Assemblea del PD di Viareggio la mia intenzione di dimettermi definitivamente dal ruolo che mi era stato assegnato, in quanto non sussistono più le condizioni politiche affinché io possa proseguire nel mio operato con la medesima serenità”.
L’assemblea inoltre, nella stragrande maggioranza degli interventi, ha richiesto un gesto di eguale misura da parte del segretario della Federazione del PD, Giuseppe Dati.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento