Cabina di regia regionale per il Tallio

PIETRASANTA - Cabina di regia regionale per gestire gli interventi da eseguire per affrontare la questione dell'inquinamento da tallio nella rete idrica. Mercoledì consiglio comunale aperto che NoiTv seguirà in diretta.

-

Alla fine, forse con una tempistica non proprio ottimale, la vicenda dell’inquinamento da tallio nelle acque degli acquedotti di Pietrasanta e Valdicastello, approda sui tavoli della giunta regionale. Dopo l’infuocata assemblea di sabato pomeriggio alla presenza del presidente Enrico Rossi e del primo cittadino Domenico Lombardi, il governatore della toscana ha convocato una riunione a Firenze per costituire una cabina di regia in grado di gestire gli interventi più immediati oltre a quelli a lungo termine, oltre a stilare un vademecum di riferimento che contempli anche studi sulla salute della popolazione. Già al lavoro dal pomeriggio di martedì quindi, amministrazione comunale, tecnici e responsabili di Gaia oltre a medici del CNr e ricercatori dell’università di Pisa per esaminare la situazione sulla base delle ultime analisi effettuate. Analisi che hanno confermato la riduzione della concentrazione di Tallio in quasi tutti i punti di campionamento, rendendo possibile quindi la revoca dell’ordinanza di non potabilità, fatta eccezione per un area ristretta di condutture autonome nella zona di via Garibaldi. Intanto continuano i lavori sulla rete idrica di Valdicastello, dove entro la fine della settimana Gaia prevede di completare le analisi dell’ultimo tratto di tubature. Per quanto riguarda la questione strettamente sanitaria, l’agenzia regionale di sanità ha confermato che effettuerà un indagine epidemiologica in collaborazione con i cittadini per le possibili contaminazioni da tallio anche grazie al campionamento già iniziato tra gli abitanti di Valdicastello. Per la giornata di mercoledì, l’amministrazione comunale ha previsto un consiglio comunale aperto presso il teatro a partire dalle 20.30, consiglio che NoiTv seguirà in diretta.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento