La Virtus rivuole fortemente la finale Oro

ATLETICA - Il DT Matteo Martinelli è scatenato. Dopo l'ingaggio del velocista Mandji prepara altri colpi. Sulle siepi confermati Kisorio e Said Ettaqy. Giulia Sabò e il tecnico Carelli ospiti martedì di "A tempo di atletica".

-

Milano da bere si diceva nei lussureggianti anni ’80, calice amaro in realtà per la Virtus CR Lucca “bocciata” di un’inezia all’Arena Civica nella finale Oro di due mesi fa. Ma siccome la determinazione non fa difetto in casa biancoceleste, il D.T. Matteo Martinelli si è già messo all’opera nel tentativo di rinforzare al meglio una squadra cui non manca poi tantissimo per poter ambire a rientrare nella top 12 del movimento nazionale. In realtà sappiamo che già a Milano con un Lamont in gara, e senza qualche infortunio dell’ultim’ora, probabilmente almeno l’ottavo posto sarebbe arrivato. Ma tant’è. Guardare avanti e pedalare…o meglio cercare sul mercato i tasselli giusti per compleatre la squadra e tentare di ritonare in Oro (finale 2015 il 26 e 27 settembre a Marcon in provincia di Venezia) grazie alle qualificazioni primaverili. In tale ottica va inquadrato l’ingaggio di Levi Mandji Roche, 19enne emergente velocista preso in prestito dall’Atletica Brescia, una delle più fulgide promesse della velocità italiana e grandi amico di Marcel Jacobs Lamont. Martinelli è pronto però a calare altri colpi che testimoniano la feroce volontà a non lasciare nulla di intentato. Intanto da qualche settimana la squadra virtussina al gran completo ha ripreso la preparazione al Moreno Martini e sulla pista al coperto in vista appunto della nuova stagione. Qui vediamo all’opera il gruppo, anche coi più piccini, del mezzofondo. In particolare notiamo lo storico tecnico Enrico Carelli e la giovane Giulia Sabò che martedì sera saranno tra gli ospiti della settima puntata stagionale di “A tempo Atletica”, al cui interno ci sarà anche Gianfranco Caruso atleta siciliano del GP Alpi Apuane di Graziano Poli.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento