Negli abissi del Tambura il record di profondita

LUCCA - GianMarco Innocenti, del gruppo Speleo Mannari, e' stato ospite della trasmissione "Buon giorno con noi": si tratta di uno dei 22 speleologi che ha raggiunto il record italiano di profondità in grotta.

-

Sono tornati dall’abisso, vincitori, domenica 7 dicembre intorno alle 14: lo speleosub Luca Pedrali, accompagnato da altri 17 ragazzi degli Speleo Mannari ha conquistato il record italiano di immersione in profondità raggiungendo i meno 1358 metri di dislivello, al sifone finale dell’abisso Paolo Roversi, nei meandri del Monte Tambura sulle Alpi Apuane. Della grande avventura di questo speleogruppo non riconosciuto ufficialmente, si è parlato venerdì mattina a BuonGiorno con Noi con GianMarco Innocenti che e’ stato ospite della trasmissione. L”abisso Paolo Roversi, che si estende per 1350 metri di dislivello, è conosciuto anche per gli ultimi 10 metri sommersi dall’acqua: un sifonepiccolo che scende e risale con un andamento ‘a Y’: infatti, sviluppandosi per 30 metri di lunghezza, a metà della discesa presenta la risalita, e nel punto più profondo, 10 metri appunto, una piccola sala. La fessura nella roccia che si trova all’uscita, è impraticabile. Quindi, un collegamento con altri abissi, di cui la zona è ricca, rimane solo un’ipotesi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento