Disoccupato lucchese sorpreso a rubare in un negozio, cliente marocchina si offre di pagare per lui

LUCCA - Una donna marocchina ha salvato un disoccupato lucchese da una denuncia per furto, offrendosi di pagare la merce (due bagnoschiuma) che l'uomo aveva cercato di rubare al Dolif di viale Luporini.

- 1

polizia-auto1

Ieri pomeriggio a Polizia è intervenuta presso il supermercato Dolif, in viale Luporini, su richiesta del responsabile del negozio che aveva notato un uomo nascondere due confezioni di bagnoschiuma sotto la giacca.
Alla vista della Polizia, l’uomo, un 55enne lucchese, ha subito ammesso di avere sbagliato ma di non essere in grado di pagare la merce rubata perchè disoccupato e senza soldi.
Il commerciante, su disposizione della direzione del supermercato che vuole combattere il diffuso fenomeno dei furti, ha però ribattuto che non avrebbe sporto querela solo nel caso in cui i prodotti asportati fossero stati pagati.
A tutta la vicenda ha assistito una cliente di nazionalità marocchina che si è offerta di pagare la merce, per un ammontare di pochi euro. A quel punto Il responsabile del negozio ha rinunciato al diritto di querela chiudendo la vicenda.

Commenti

1


  1. Chissà,come succede ad una buona parte di noi,(compreso il sottoscritto), se fosse stata la cliente marrocchina a compiere il furto, apriti cielo, chissà quali commenti e molti a sfondo razzista.
    La solidarietà non ha confini e nemmeno colore……………..serva di lezione a tutti noi per farci riflettere su i luoghi comuni di cui siamo troppo farciti.

Lascia un commento